Close

Arredamento in legno, consigli per una resa estetica vincente

Niente come un arredamento in legno conferisce alla casa un’atmosfera viva, romantica e accogliente. Un materiale affascinante, che fa della naturalità il suo punto di forza, che vive da secoli nella storia dell’uomo, e che di fatto è destinato a non passare mai di moda, per la sensazione di calore offerta che non appartiene a nessun’altra essenza. Ed anche per la sua malleabilità, non solo in termini di lavorazione ma anche nel trovare la sua collocazione nei vari stili di arredo, dai più semplici ai più eleganti. Ecco allora qualche consiglio nella scelta delle varie essenze e nella manutenzione dei vostri mobili in legno.

Qui invece trovate la nostra guida per arredare la lavanderia.

Arredamento in legno massello

Il legno massello è senza dubbio una delle soluzioni di maggiore fascino. A differenza di molte altre essenze, questo materiale si mantiene vivo anche dopo essere stato prelevato, e consente l’esecuzione di lavorazioni di fino che possono dare vita a prodotti artigianali di elevata fattura. Il fatto di essere vivo e organico lo porta a invecchiare nel tempo, ma questo non ne altera il fascino, anzi lo aumenta e diviene nel tempo un valore aggiunto. Niente inoltre come il legno massello vi consentirà di apprezzare nodi, colori e venature di questo splendido materiale, vero piacere per chi cerca in un arredo anche le sensazioni tattili. Tanta bellezza però va curata adeguatamente: prestate attenzione prima di tutto al fattore umidità, causa di rigonfiamenti, o al clima troppo secco che viceversa può fare ritirare il materiale e creare delle fessurazioni; si presti in tal senso una particolare attenzione alle giunzioni. Occupatevi anche della luce solare, causa di mutazioni del colore che possono essere spiacevoli soprattutto nel formarsi di zone cromatiche differenti. Per quanto riguarda la pulizia, da effettuarsi con una certa costanza, è bene evitare i solventi, responsabili di un veloce deterioramento delle vernici protettive, più i prodotti detergenti contenenti ammoniaca, e quelli a pH basico in generale.

Arredamento in legno, le migliori essenze

Chi predilige un arredamento in legno molto spesso cerca i propri mobili a partire direttamente dalle essenze; vediamo allora quelle più interessanti e di maggiore eleganza. Il noce, grande classico, si fa sempre apprezzare per i suoi colori scuri, le sue venature intricate, la sua durata nel tempo e la sua idoneità all’utilizzo in più stili. Il frassino, legno particolarmente malleabile, liscio, molto chiaro e decisamente più regolare nelle sue venature, si abbina al classico così come ad un arredo con più colore. Un legno come il rovere trova impiego invece ad oggi in moltissimi elementi di arredo differenti, tra cui le finiture, ma in ogni caso è sempre sinonimo di vera qualità. Il faggio, una tipologia di legno particolarmente pesante e di colorazione biancastra o tendente al rosso, è una scelta che rende particolarmente soprattutto quando impiegata per le pavimentazioni. Il teak, infine, varietà esotica e di particolare robustezza, è una scelta da prendere in considerazione per il vostro arredo outdoor.

sedia da bar xqi
Sedia da bar XQI di Royal Botania

Arredamento in legno, le alternative

C’è chi invece del legno ama solo la resa estetica delle sue texture, e per questioni di praticità preferisce avere a che fare con un materiale che sia più funzionale per il suo stile di vita. Il settore dell’arredo risponde da anni a questa diffusa richiesta di mercato con soluzioni alternative che replicano l’effetto legno in modo eccellente. Un esempio è ciò che avviene con le pavimentazioni in gres porcellanato smaltato, materiale camaleontico in grado di riproporre in modo brillante ogni altra essenza, e quindi anche lo stesso legno.

Vi aspettiamo da CLM Arredamento per progettare insieme la vostra casa con un arredamento in legno!

Altri Articoli

Dal 20 agosto
Lo showroom riapre al pubblico
SU APPUNTAMENTO
* Garantiamo una situazione di totale sicurezza adottando le precauzioni stabilite dal decreto ministeriale.